« I have a dream | Principale | "Strategie per il successo" »

lunedì 28 maggio 2007

Commenti

simone

beh, meglio giocare con le lampadine che con radio, uranio e soprattutto polonio (vero Litvinenko?).

sul talento: bisognerebbe chiedersi perchè spesso persone di talento non siano riuscite a esprimersi. al di là dei loro possibili limiti o demeriti, bisogna considerare che in un sistema assolutamente non meritocratico come il nostro non ci sono i presupposti perchè questo avvenga. Edison, per contraltare, è stato sicuramente un grandissimo personaggio ma facente parte di un ambiente, quello statunitense, più incline alla valorizzazione dei cervelli e delle intuizioni. Non è un caso, a mio avviso, che gli Stati Uniti siano stati la culla di molte fra le più grandi scoperte dello scorso secolo. Non mi pare che si possa dire che gli americani vantino un numero di cervelloni senza pari (tant'è che li devono importare): sono semplicemente più attenti all'innovazione.
Sui grandi geni: purtroppo anche per la stessa Marie Curie i riconoscimenti sono arrivati tardivi...
il caso più emblematico è comunque Barbara McClintock, la più grande genetista del 900 che ha scoperto i trasposoni, piccole sequenze di DNA in grado di spostarsi in maniera (apparentemente) impazzita da un punto all'altro dei cromosomi di Mais. tale scoperta è stata incredibile perchè era di quegli anni la scoperta proprio del DNA e Lei già ipotizzava dei meccanismi di azione! Ricevette il Nobel pochi anni prima di morire a decenni di distanza dai suoi studi...
L'altro grosso problema è che nonostante siano state persone perseveranti è che nessuna di queste ha goduto di grandi riconoscimenti economici. o almeno, i soldi servono sempre, ma sono convinto che te li godi di più a vent'anno piuttosto che a 85...

Alessandra

Dopo aver letto il tuo nuovo post ho subito pensato a questa poesia che vorrei condividere con voi..

IF di Rudyard Kipling

Se riuscirai a non perdere la testa quando tutti
la perdono intorno a te, dandone a te la colpa;
se riuscirai ad aver fede in te quando tutti dubitano,
e mettendo in conto anche il loro dubitare;
se riuscirai ad attendere senza stancarti nell'attesa,
se, calunniato, non perderai tempo con le calunnie,
o se, odiato, non ti farai prendere dall'odio,
senza apparir però troppo buono o troppo saggio;
se riuscirai a sognare senza che il sogno sia il padrone;
se riuscirai a pensare senza che pensare sia il tuo scopo,
se riuscirai ad affrontare il successo e l'insuccesso
trattando quei due impostori allo stesso modo;
se riuscirai a riascoltare la verità da te espressa
distorta da furfanti per intrappolarvi gli ingenui,
o a veder crollare le cose per cui dai la tua vita
e a chinarti per rimetterle insieme con mezzi di ripiego;
se riuscirai ad ammucchiare tutte le tue vincite
e a giocartele in un sol colpo a testa-e-croce,
e a perdere ed a ricominciar di nuovo dal principio,
senza mai fiatare e dir nulla delle perdite;
se riuscirai a costringere cuore, nervi e muscoli,
benché sfiniti da un pezzo, a servire ai tuoi scopi,
e a tener duro quando niente più resta in te
tranne la volontà che dice loro: «Tieni duro!»;
se riuscirai a parlare alle folle serbando le tue virtù,
o a passeggiar coi re e non perdere il tuo fare ordinario;
se né i nemici né i cari amici riusciranno a colpirti,
se tutti contano per te, ma nessuno mai troppo;
se riuscirai a riempire il minuto inesorabile
e a dar valore ad ognuno dei suoi sessanta secondi,
il mondo sarà tuo allora, con quanto contiene,
e - quel che è più - tu sarai un Uomo, figlio mio!

Ritengo di non dover aggiungere altro..

Vincenzo Madaffari

Poche parole,per altro non mie, per ribadire un concetto sul quale siamo un pò tutti daccordo:
Grande non è colui che non è mai caduto; ma chi dopo essere caduto ha la forza di rialzarsi e vincere!

Simona Crimi

È stato fantastico… una sensazione indescrivibile! Avevo paura di non farcela, volevo mollare il colpo e "scappare via"… ma alla fine ho PERSEVERATO, ho avuto coraggio.. ed è stato un successo!!
È proprio vero, non c’entrano nulla il talento o l’abilità! Anche se aiutano… Ciò che ti porta al raggiungimento di un obiettivo è soprattutto la forza di volontà, la voglia di vincere la sfida.. con gli altri e con te stesso, il gusto di mettersi in gioco… VOLERE E’ POTERE! E oggi ne sono ancora più convinta.
Non ho altro da aggiungere. Grazie Alessandro… Ti conosco da poco ma non sai quanto ho imparato da te.

stefano rotella

sono in ritardo sul commento di uesto post che porta alla luce uno dei nei più grossi della società nella quale viviamo....
ho letto anche gli altri commenti e non posso esimermi dal fare i complimenti..
a simone: credo che alessandro si riferisse al raggiungimento del proprio scopo, quello personale; la perseveranza del non mollare mai riferita ai miei obiettivi che purtroppo come dici tu non sempre trovano riscontro nel riconoscimento societario...ma tu..tu che lo hai raggiunto quando ti guardi allo specchio sai che sei arrivato ad ottenere ciò che volevi indipendentemente dal riconoscimento altrui..questo almeno è quello che mi sembra di aver recepito dalle letture..

PERSEVERANZA
certo gli esempi sono molteplici....ma oggi come viviamo questo concetto??
oggi mi sembra di vivere in un mondo fatto di infinite alternative..un mondo dove a tutto vi è rimedio (tranne che al peggio ovviamente)...un mondo che quasi ti ridicolizza se insisti sulla stessa strada, la strada che tu vuoi sia la tua, perchè non ottieni i risultati che sai puoi ottenere...TUTTO e SUBITO sembra essere un pò il motto di questo millennio...
ancor meno semplice allora trovare la forza di perseverare..motivo, credo, per il quale sono sempre in meno quelli che raggiungono i propri obiettivi e sempre più quelli che li abbandonano e li cambiano (RIPIEGANO come hai scritto tu ale..)
diventa sempre una questione di SCOPO CHIARO E MISURABILE..con quello forse aumentiamo la nostra persevaranza nel cammino verso il raggiungimento di ciò che ci siamo prefissi..
grazie ancora per i continui spunti di riflessione e per l'opportunità che dai a noi visitatori di confrontarci...

Manuela

...perseverare e non mollare mai sono due concetti essenziali...senza di questi difficilmente si riesce ad andare avanti...a volte, però, perseverare verso una certa "rotta" non porta quel che si vorrebbe ma IO non mollo e sono certa che io, come tutti voi, riusciremo ad ottenere ciò che vogliamo!!

COMPLIMENTI per il sito...un ottimo modo per riflettere, pensare ed imparare...

Mi hanno consigliato di guardare il sito: GRAZIE PER IL CONSIGLIO! Spesso sarò presente nei commenti...

Mimi' Palmiero

Grazie per la tua iniezione di fiducia.
NON MOLLERO'
Mimi' Palmiero

I commenti per questa nota sono chiusi.

La mia foto

gennaio 2009

dom lun mar mer gio ven sab
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Blog powered by Typepad

BlogRoll